Sintomi di dipendenza associati all’uso di cannabis in un campione di giovani

La cannabis è la sostanza illecita più utilizzata nei Paesi occidentali come Stati Uniti, Australia, Nuova Zelanda ed Europa. E’ stato stimato che il 20-40% della popolazione generale ha fatto uso nell’arco della vita di cannabis, e che il 10% circa di questi diventano abituali consumatori, con uso quotidiano. La frequenza d’uso e la giovane età sono fattori di rischio per sviluppare una sindrome da dipendenza, che negli Stati Uniti ha una frequenza del 4% circa. A questo proposito alcuni Autori hanno pubblicato un lavoro sul Journal of Psychiatric Research in cui hanno analizzato il profilo sintomatologico della dipendenza da cannabinoidi in un campione di 2446 giovani dai 14 ai 24 anni, selezionati dalla popolazione generale in un periodo di 4 anni.
I soggetti sono stati valutati secondo la frequenza d’uso della cannabis e sintomi di dipendenza associati, secondo il DSM IV e il concomitante utilizzo di altre sostanze d’abuso. Dai risultati si evince che, anche senza il concomitante uso di altre sostanze stupefacenti, il 30% degli intervistati fa uso di cannabis, e che di questi il 35% presenta almeno un sintomo da dipendenza (il 22% degli abusatori a bassa frequenza e l’81% ad alta frequenza). I sintomi più osservati sono stati: sintomi da sospensione (17%), tolleranza (15%), perdita di controllo (14%) e uso continuato nonostante problemi fisici concomitanti (13%). Gli Autori concludono che negli adolescenti l’uso di cannabis si associa a sintomi da dipendenza, la cui presenza non può essere spiegata dall’uso di altre sostanze o dalla presenza, negli stessi soggetti, di dipendenza da nicotina e alcool.

Nocon A, Wittchen HA, Pfister H, Zimmermann P, Lieb R. Dependence sympoms in cannabis users? A prospective epidemiological study. Journal of Psychiatric Research. 2006;40:394-403.